tre

Travel with me: Un giorno a Milano

Ore 8:00, 22 Febbraio. 

La sveglia rimbomba nella camera del nostro hotel; ci affacciamo alla finestra e si vedono dei delicati fiocchi di neve che cadono sulle strade di Milano.

Io e Giuliano facciamo colazione al volo e usciamo, pronti per la giornata che ci aspettava.

Zaino in spalla (solo per Giuliano) e ci incamminiamo verso la metro, che dista due minuti dal nostro hotel.

 

Scendiamo a Piazza Duomo, perchè il giro lì non può mai mancare. 
Scattiamo qualche foto, giro ne “La Rinascente” e ci incamminiamo di nuovo.

 

   La passeggiata continua in una via dello shopping. Incamminandoci troviamo una strada secondaria, in cui in un angolino troviamo questo piccolo teatro la cui insegna mi attira e non posso fare altro che scattarci una foto!

 

La strada portava al Castello Sforzesco, uno dei simboli principali di Milano con la sua maestosa e bellissima  fontana!

Attraversiamo il cortile del castello che porta alla parte opposta e ci incamminiamo verso l’Arco della Pace.

Nel percorso che porta all’Arco, partendo dal castello, si passa per un parco, il parco Sempione. 
Come ogni città, adoro visitare i parchi, che considero i loro polmoni, il loro posto dove la natura è libera. 

Ci avviciniamo al laghetto del parco e veniamo assaliti da papere e piccioni praticamente affamati! 

Il parco porta poi all’Arco Della Pace con la sua grandissima piazza.
E lì mi è capitato un evento.
Sui gradoni della piazza, vedo da lontano un foglietto grande quanto una carta di credito. Avanzo per avvicinarmi e ci trovo una foto scattata da una Fujifilm Instax Mini (polaroid); mi giro intorno per vedere se qualcuno l’avesse dimenticata, ma non trovo nessuno. 

Forse era giusto lasciarla li, ma sono stata troppo tentata e l’ho presa, riponendola insieme alle altre foto della polaroid. 

Adoro collezionare ricordi, soprattutto se non sono i miei. 
Un evento così mi è capitato anche a Positano, dove ho trovato una cartolina scritta da qualche americano. 

Forse era destino che, tra tante persone, li trovassi proprio io.

 

Leave a Comment