I can finally tell you part of the Paris experience that I have lived that has excited me most:
the meeting with Chanel.
She and I are two very different girls, but similar in some way,
with a passion that join us: fashion.
When she invited me to the presentation of her new collection, I did everything to be there, to be able to meet her in person. And it was worth it.

I loved every piece of the collection, entitled “Femme Royale, which was inspired in 1800, that’s one of the epoque that I love the most.
Here are the three pieces that personally struck me the most, even if it was hard to choose.
To see them all visit her page Chanel Joan Elkayam.
I have to thank also Tiffany McCall, fashion designer and organizer of the event, who made possible this meeting!

Finalmente posso raccontarvi la parte dell’esperienza che ho vissuto che mi ha più emozionato:
l’incontro con Chanel.
Io e lei siamo due ragazze molto diverse, ma in un certo senso simili,
con una passione che ci accomuna: la moda.
Quando mi ha invitata alla presentazione della sua nuova collezione, ho fatto di tutto per essere presente, per poterla conoscere di persona. E ne è valsa la pena.

Ho amato ogni pezzo della sua collezione, intitolata “Femme Royale, che si ispirava al 1800, che guarda caso, è una delle epoche che amo.
Qui ci sono i tre pezzi che personalmente mi hanno colpito di più, anche se è stato difficile scegliere.
Per vederli tutti visitate la sua pagina Chanel Joan Elkayam.
Ringrazio anche Tiffany McCall, stilista e organizzatrice dell’evento grazie alla quale ho potuto incontrare Chanel!

5-dopo-intervista-2

Chanel gave me also the chance to intervew her to know more about her, her passion and obviously about her collection:

1.You’re only 18 but you’re having all this success.
How do you feel about that?

I am really proud of what I have achieved!
Each and every outfit have been proven to be worth all the hard work I have put in.
The collection that I showcased at Paris Fashion Week was only the second collection I have ever made. It was a huge thing for me to be showing my work in such a prestigious event!

2. Did someone push you to do what you do or did you start alone?

When I was about 15 I remember asking my mum about the career I want to pursue as a fashion designer. A fashion designer is what I have wanted to become since a very young age. I asked her if I have to wait until I have completed a degree in order to start my own clothing line.
She inspires me every single day of my life. She told me “If you believe that you can do it, then do it. I will support you in every way possible”

And so I started and it has been the most amazing experience of my life. Fulfilling my dreams every single day.

3. At what age did you start?

Ever since I was a child I have been interested in fashion design, I always used to draw my ideas in lots of little diaries and I made many dresses for my dolls! My mum kept all of the things I made too.
Along side my education and work experience, at 16 years old, I felt ready to start my own clothing line. I conducted all the tasks involved. I also organised a fashion show to exhibit my very first collection consisting of 36 outfits.

4. Your clothes are entirely black or have always something black.
Why this color?

My colour scheme for my Autumn/Winter16 collection shown at Paris Fashion Week was dark blue, black and white with hints of gold and silver.
One of the reasons why I chose the colour black on my colour palette this season is because it’s a strong colour, it means something. I feel that black as a colour is very powerful. Emotion and depth is something I like to show through my designs.

5. What are you inspired by?

Anything in the world around me can inspire my designs! Every collection of mine has a different theme but they all follow my personal aesthetic.
The collection which I made for Autumn/Winter16 Paris Fashion Week was inspired by international royalty. I combined shape, structure and embellishments to create some one of a kind pieces. I feel that now-a-days the past has been forgotten and in this collection I brought the royalty from the 1800’s back through my own personal style of design.

6. Do you have some favorite designer?

When doing some research for one of my projects at Central Saint Martins I came across a designer called Gianfranco Ferré and I fell in love with his work! I also love the designs of Alexander McQueen and Christian Dior. I also love the sculptor called Barbara Hepworth, I see her sculptures and immediately associate them with design and where they can be placed on the female figure.

7. What do you remember about Manchester Fashion Week?
Was it a good experience?

Manchester Fashion Week was a great experience! I was given very positive feedback from the public, press and media. This was very encouraging for me as it was my very first collection!
Tiffany’s assistant Sarah had found me through Manchester Fashion Week and asked me if I wanted to present a collection at Paris Fashion Week!

8. What do you do over this passion? How do you spend your free time?

I am always designing and constantly looking for inspiration in the world around me but when I am not designing I like to read books and I love to be with my friends and family. I do pilates and like to walk in the countryside where I live.

9. What do you expect from the future?

My ambition is to become a global influential fashion designer with boutiques across the globe! I want to inspire others and make my mark in the fashion industry.

10. Would you give an advice to the young people who have a dream like you?

My advice for young people who have a dream is to take that dream with both hands and fulfill it! I believe that anyone can do anything if they put their heart and soul into what they want to do. Hard work, dedication to their creative practice and risk taking is needed!!

6-prima-dellintervista
My favorite pieces from the collection!

Versione italiana:
Chanel mi ha anche dato l’opportunità di farle un’intervista per saperne di più su di lei, sulla sua passione e ovviamente sulla collezione:

1.You’re solo 18 ma si sta avendo tutto questo successo.
Come ti senti a riguardo?

Sono molto orgoglioso di quello che ho ottenuto!
Ogni abito ha dimostrato di valere tutto il duro lavoro che ho messo per realizzarlo.
La collezione che ho presentato alla Paris Fashion Week è stata solo la seconda collezione che abbia mai fatto. E ‘stata una cosa enorme per me essere mostrare il mio lavoro in un evento così prestigioso!

2. Qualcuno ti ha spinta a fare quello che fai o hai cominciato da sola?

Quando avevo circa 15 anni mi ricordo di aver chiesto a mia mamma per la carriera che volevo intraprendere come stilista di moda, ed è quello che ho sempre voluto fare da quando ero molto giovane.
Le ho chiesto se dovevo aspettare fino a quando avevo una laurea
al fine di iniziare la mia linea di abbigliamento.
Lei mi ispira ogni singolo giorno della mia vita.
Mi ha detto: “Se pensi che puoi farlo ora, allora fallo. Ti sosterrò in ogni modo possibile”
E così ho iniziato ed è stata l’esperienza più incredibile della mia vita.
Realizzare i miei sogni ogni singolo giorno.

3. A che età hai iniziato?

Fin da quando ero bambina mi sono interessato in design della moda, ho sempre usato piccoli diari per disegnare le mie idee e ho creato molti abiti per le mie bambole!
Mia madre li ha conservati tutti!
Grazie alle mie esperienze, a 16 anni, mi sono sentita pronta per creare la mia linea di abbigliamento. Ho investito tutto ciò che avevo. Ho anche organizzato una sfilata di moda per presentare la mia prima collezione composta da 36 abiti.

4. I tuoi vestiti sono completamente neri o hanno sempre qualcosa di nero.
Perché questo colore?

Il mio schema di colori per la mia collezione autunno /inverno 2016 mostrato alla Paris Fashion Week era blu scuro, bianco e nero con accenni di oro e argento.
Uno dei motivi per cui ho scelto il colore nero sulla mia tavolozza dei colori di questa stagione è perché è un colore forte, significa qualcosa. Sento che il nero come colore è molto potente. L’emozione e la profondità è qualcosa che mi piace di mostrare attraverso i miei disegni.

5. A cosa ti ispiri?

Tutto ciò che nel mondo intorno a me può ispirare i miei progetti! Ogni collezione ha un tema diverso, ma tutti seguono la mia estetica personale.
La collezione che ho realizzato per l’autunno /inverno 2016 per la Paris Fashion Week è stato ispirato dal tema reale. Ho abbinato forma, struttura e abbellimenti per creare dei pezzi unici. Credo che oggi il passato è stato dimenticato e in questa collezione ho portato la regalità del 1800 adattandolo al mio stile personale.

6. Hai qualche stilista preferito?

Quando faccio qualche ricerca per uno dei miei progetti al Central Saint Martins mi sono imbattuta in un designer chiamato Gianfranco Ferré e mi sono innamorata del suo lavoro! Mi piacciono anche i lavori di Alexander McQueen e Christian Dior. Mi piace anche una scultrice chiamata Barbara Hepworth, vedo le sue sculture e immediatamente li associo con un design e immagino dove possono essere immessi sulla figura femminile.

7. Cosa ricordi sulla Manchester Fashion Week?
È stata una bella esperienza?

La settimana della moda di Manchester è stata una grande esperienza! Mi è stato dato un feedback molto positivo da parte del pubblico, stampa e media. Questo è stato molto incoraggiante per me perché era la mia prima collezione!
L’assistente di Tiffany Sarah mi aveva notato li e mi ha chiesto se volevo presentare una collezione alla Paris Fashion Week!

8. Che cosa fate su questa passione? Come passi il tuo tempo libero?

In realtà progetto sempre vestiti e sono costantemente alla ricerca di ispirazione nel mondo intorno a me, ma quando non disegno mi piace leggere libri e mi piace stare con i miei amici e la famiglia. Faccio pilates e piace camminare in campagna dove vivo.

9. Cosa ti aspetti dal futuro?

La mia ambizione è quella di diventare una stilista mondiale e influente di moda con boutique in tutto il mondo! Voglio ispirare gli altri e far conoscere il mio marchio nel settore della moda.

10. Vuoi dare un consiglio ai giovani che hanno un sogno come te?

Il mio consiglio per i giovani che hanno un sogno è quello di prendere quel sogno con entrambe le mani e realizzarlo! Credo che chiunque può fare qualunque cosa se ci si mette il cuore e l’anima in quello che si vuole fare. E’ necessario duro lavoro, dedizione e bisogna anche rischiare!

5-dopo-intervista-45-dopo-intervista-35-dopo-intervista-1

2

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *